RAID ISRAELIANI SU GAZA: 8 LE VITTIME PALESTINESI

Come abbiamo scritto nel precedente post sulla Libia, lo stato di Israele nonostante continui a bombardare e a massacrare il popolo palestinese e nonostante sia soggetto a tante risoluzioni ONU contro la sua politica di oppressione, rimane impunito.

Non vediamo le forze guerrafondaie della Nato prendere posizione, non vediamo la stampa spendere una parola sull’ ennesimo massacro nei confronti del popolo Palestinese.

pubblichiamo sotto una breve cronaca di Vittorio Arrigoni e la notizia dell’agenzia di stampa Nena Nws ,sulla giornata di Martedì 22 Marzo:

Continua a leggere

No alla guerra in Libia!

Sabato 19 Marzo sono iniziati i primi bombardamenti sulla Libia, il vertice di Parigi tra le potenze guerrafondaie ha dato il via libera all’inizio della nuova guerra di rapina da parte di Stati uniti, Francia, Gran Bretagna e Italia in prima fila, mentre la Germania rimane defilata e Cina e Russia hanno espresso se pur con debolezza e confusione la loro contrarietà ai bombardamenti.

Continua a leggere

ma la sanità?

Pubblichiamo il comunicato dei delegati rsu del s.i. Cobas dell’azienda ospedaliera Salvini inerente agli ultimi fatti successi all’interno   dell’ Ospedale Di Rho.

Settimana dopo settimana, scopriamo dalle pagine di “settegiorni” nuovi scandali, nuovi errori compiuti da medici di ogni reparto del nostro Ospedale, veniamo a conoscenza di denunce sporte da parte di pazienti che si sentono vittime di casi di “mala sanità”.

Continua a leggere

Cooperative … Un’altra storia di ordinario e disumano sfruttamento.

Si pensava dopo anni di lotte e denunce, di aver scoperto tutto di un fenomeno così vasto e inquietante per l’illegalità diffusa, e, invece, quello delle cooperative riserva ogni volta sorprese e novità che la dicono lunga sulla capacità mimetica e la creatività che la classe padronale sa esprimere nella sua quotidiana opera di sfruttamento del lavoro salariato, che ci ricorda molto quello disumano e infernale delle prime manifatture.

Continua a leggere

IO L’8 SEMPRE.

Spesso si sente dire che il femminismo è morto. E per “femminismo” s’intende quel movimento che in Italia si sviluppò assieme all’onda della contestazione studentesca del ’68, mettendo in discussione il patriarcato e tutta una serie di valori e comportamenti sulla condizione femminile e il rapporto tra donna-uomo.

Continua a leggere