ARAFAT VA ALLA LOTTA alla CORTE POPOLARE

Giovedì 30 Settembre 2021

Ore 21.00

Presentazione del Libro:

ARAFAT VA ALLA LOTTA

La storia – vera – di un migrante egiziano dallo sfruttamento alle battaglie sindacale.

Dalla sua esperienza, un incontro che dai magazzini della logistica arriva alle fabbriche dove, oltre alla dignità, è messa sotto attacco la salute dei lavoratori

intervengono:

MOHAMMED ARAFAT

JARA ALDAVE STEVE – RLS SDA di Pregnana Milanese

MICHELE MICHELINO E SILVESTRO CAPELLI
Comitato per la difesa della salute nei luoghi di lavoro e nel territorio

CORTE POPOLARE di RHO
Via Umbria n.8 – Loc. Biringhello
www.collettivolasciloria.org

Evento organizzato nel rispetto del protocollo anticovid

Organizzano:
Oxservatorio Salute e Sanità del Rhodense
Si Cobas

25 Settembre cena popolare + Thrill Blues Band

242244075_4414438688615589_3221024132425158382_n

SABATO 25 SETTEMBRE

Ore 20,00 – Cena Popolare

Menù:
– crostone salsiccia e stracchino (con i funghi per i vege)
– riso autunnale
– pollo al forno e patate (polpette vegetali per i vege)
– dolce
Su prenotazione a lasciloria@gmail.com indicare se vegetariani
(posti limitati)
Ore 22.00 – Inizio Live

THE THRILL BLUES BAND

Giulia Marangon voce
Maurizio Giannotti chitarra e voce
Roberto Tedeschi basso
Roberto Giannella batteria
Ingresso Libero (consigliata la prenotazione)
Evento organizzato nel rispetto del protocollo anticovid

CORTE POPOLARE di RHO
Via Umbria n.8 – Loc. Biringhello

ADIL vive nelle lotte contro l’oppressione del capitale, per un mondo migliore!

Domenica 5 Settembre ore 14.30      

Commemorazione per ADIL BELAKHDIM ucciso durante uno sciopero.
Operaio alla TNT, poi organizzatore sindacale SI Cobas, padre di due figli, ha dato il suo impegno e la vita per le lotte degli sfruttati.

Parchetto in via Padova n.256 (prima della banca Angolo Via Angelo Emo)

OGNUNO POTRA’ PORTARE IL PROPRIO RICORDO DI ADIL AL MICROFONO.

LA MORTE DI ADIL NON E’ UN INCIDENTE, E’ UN OMICIDIO.

NON DIMENTICHIAMO E NON PERDONIAMO!

l’evento sarà accompagnato dalla musica dei Ciapa No

Si Cobas
Patto d’azione anticapitalista (Milano)

A SETTEMBRE RIAPRIRA’ LA CORTE POPOLARE

Finalmente dopo oltre un anno ripartiranno le serate della Corte Popolare di Rho.

SABATO 4 SETTEMBRE

Ore 20.00 – Cena Popolare
Su prenotazione a lasciloria@gmail.com (posti limitati)

Ore 22.00 – Inizio Live
THE DRUGSTORE (Rock’n’Blues)
(ingresso libero)

CORTE POPOLARE di RHO
Via Umbria n.8 – Loc. Biringhello

https://www.facebook.com/events/571262887580382

Per ADIL: aperto corrente per cassa di solidarietà. Come lo sciopero, anche la solidarietà è un’arma: usiamola

APERTA LA CASSA DI SOLIDARIETÀ PER ADIL

Tutti coloro che intendono dare un contributo per sostenere i familiari e le spese legali del nostro compagno Adil Belakhdim, possono inviarli a mezzo bonifico al seguente IBAN:

IT13N0760101600000003046206

Intestato a:

Sindacato Intercategoriale Cobas
c/o poste italiane via Ruggero Bonghi, 7 Milano

Causale:

“per Adil Belakhdim, assassinato durante uno sciopero”

S.I. Cobas


NON E’ STATO UN INCIDENTE:
ADIL E’ STATO AMMAZZATO IN NOME DEL PROFITTO!

Stamane, durante lo sciopero nazionale della Logistica Adil Belakhdim, nostro coordinatore della sede di Novara e membro del Coordinamento nazionale SI Cobas, è morto travolto da un Tir che ha forzato un picchetto davanti la Lidl di Biandrate (Novara).

Il presidio, composto da alcune decine di lavoratori, è stato investito da un autista criminale, che alla vista del presidio non ha esitato a premere l’acceleratore dell’automezzo travolgendo prima due lavoratori che a malapena sono riusciti a salvarsi e che ora sono ricoverati in ospedale, e poi schiacciando il nostro compagno, passandogli addosso e scappando.

Adil aveva 37 anni, era sposato e con due bambini piccoli, ed è stato per anni operaio della Tnt, quando aveva scelto di tornare al suo paese per avviare una attività. Le cose non andarono come erano state da lui programmate, e così era tornato da noi in Italia e si era attivato nel SI Cobas.
È lui che ha dato il suo impegno in quel di Novara per costruire quel coordinamento provinciale, lavorando quotidianamente per sviluppare il SI Cobas sul territorio novarese. I compagni di altre città hanno avuto la possibilità di sentirlo all’ultimo coordinamento nazionale svoltosi domenica scorsa a Bologna, dove ha incitato alla lotta e alla partecipazione alla manifestazione di domani a Roma.

Due anni fa, quando il SI Cobas si è incontrato in Marocco con il maggior sindacato, lui era presente con la nostra delegazione e con generosità ci aveva ospitato a casa sua.
In queste ore caotiche e strazianti risuonano ancora nelle nostre orecchie il messaggio vocale che Adil nella tarda serata di ieri ha inviato ai suoi lavoratori di Novara, nelle quali spiegava le ragioni dello sciopero nazionale di oggi e li invitava al presidio fuori a quegli stessi cancelli in cui ha incontrato la morte.

Per quanto ancora increduli ed esterrefatti, non possiamo tacere la nostra rabbia per una tragedia che non è in alcun modo derubricabile come un semplice incidente (come alcuni organi di stampa avevano fatto passare in un primo momento), né tantomeno come la semplice opera di un folle isolato!
L’omicidio di Adil avviene infatti all’apice di una escalation di violenza organizzata contro il Si Cobas, che si trascina da mesi ed è oramai senza limiti.
Le cariche alla FedEx Tnt di Piacenza, gli arresti, i fogli di via e le multe contro gli scioperi, le aggressioni armate di body guard e crumiri a San Giuliano e Lodi, passando per i raid punitivi alla Texprint di due giorni fa, sono parte di un unico disegno che vede i padroni e la criminalità organizzata (che fa giganteschi affari nella logistica) agire in maniera unita e concentrica per schiacciare con la forza e la violenza gli scioperi dei lavoratori contro il supersfruttamento e in difesa delle conquiste strappate negli anni dal sindacalismo conflittuale, in primo luogo dal SI Cobas: una violenza che è quasi sempre spalleggiata e alimentata dalla repressione spietata condotta dalle forze dell’ordine contro gli scioperi e le lotte operaie.

I PADRONI VOLEVANO IL MORTO E CI SONO RIUSCITI

Da settimane i padroni e i loro complici stanno veicolando sui luoghi di lavoro, con ogni mezzo e con ogni tipo di provocazione, il messaggio che i picchetti si possono sfondare, che operai e sindacalisti possono essere liberamente pestati a sangue, che gli scioperi possono essere schiacciati e le lotte messe a tacere con metodi mafiosi, il tutto con la complicità o il silenzio-assenso dello Stato e della polizia.
Questa violenza esplicita e dispiegata è solo la punta dell’iceberg di una strategia politica tesa a silenziare le rivendicazioni dei lavoratori e a isolare il sindacalismo di classe, funzionale a spianare la strada alle prossime misure governative di attacco alle condizioni di vita e salariali di milioni di lavoratori, su tutte l’imminente sblocco dei licenziamenti.

In queste ore stiamo assistendo al solito balletto di dichiarazioni di sconcerto e di prese di posizione da parte dei vertici del governo, con in testa il premier Draghi che invita a “far luce” su quanto accaduto a Biandrate, e con Cgil-Cisl-Uil che, come di consueto, si decidono a proclamare lo sciopero solo quando il sangue operaio è già stato versato.
Una dinamica simile a quella che è avvenuta anni fa alla Gls di Piacenza, quando Abd El Salaam venne travolto da un tir durante uno sciopero indetto da Usb: dopo qualche ora di indignazione a reti unificate, tornò a regnare il silenzio totale sulla condizione dei facchini e delle migliaia di lavoratori della logistica quotidianamente sfruttati, sottopagati e soggetti a ogni forma di ricatto e di angheria.

LA MORTE DI ADIL RENDE ANCOR PIU’ EVIDENTE CIO’ CHE ERA GIA’ CHIARO ALLA LUCE DELLA CRESCITA ESPONENZIALE DELLE MORTI SUL LAVORO REGISTRATE IN QUESTI MESI DI CRISI PANDEMICA:
PER I PADRONI I PROFITTI VALGONO PIU’ DELLA VITA UMANA

Il premier Draghi piuttosto che versare lacrime di coccodrillo dovrebbe spiegare per quale motivo da oltre 3 mesi il SI Cobas sta chiedendo al governo un tavolo di crisi al Mise per risolvere la vertenza alla Fedex di Piacenza con 280 lavoratori buttati per strada solo a causa della loro appartenenza al nostro sindacato, senza ricevere mai risposta e, anzi, ricevendo in cambio cariche e manganellate della polizia quando lo scorso 21 maggio ci siamo recati in presidio sotto Palazzo Chigi; dovrebbe spiegare come mai da oltre un anno il SI Cobas si batte per ottenere dal governo (prima Conte, ora l’attuale) il varo di protocolli vincolanti sulla salute e sulla sicurezza nei luoghi di lavoro senza mai aver ricevuto alcuna risposta; dovrebbe spiegarci come mai il governo stia sponsorizzando piani di ristrutturazione che prevedono migliaia di licenziamenti e una generale precarizzazione dei contratti (oggi in Fedex, domani dappertutto) senza che le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative nella logistica siano convocate ai tavoli di trattativa.

I vertici di Cgil-Cisl-Uil dovrebbero spiegarci come si concilia il giusto sciopero per la morte di Adil con l’opera sistematica di demonizzazione e criminalizzazione condotta dai confederali contro il SI Cobas (solo per restare agli eventi più recenti, gli inviti alla polizia ad intervenire contro le lavoratrici e i lavoratori in sciopero alla Ceva di Stradella) e, più in generale, contro il sindacalismo
combattivo.

Per questo denunciamo con forza che questa morte non è stata provocata dalla follia di un singolo, bensì è il frutto di una guerra a tutto campo contro la classe lavoratrice, alimentata dell’omertà delle istituzioni e dal collaborazionismo dei vertici confederali.
Domani Adil sarebbe stato con noi a Roma per manifestare contro lo sblocco dei licenziamenti, contro il rinnovo-farsa del Ccnl Trasporto merci e logistica, e a sostegno della lotta dei lavoratori Fedex di Piacenza.

Il dolore per la perdita del nostro dirigente nazionale ad opera di un vigliacco criminale è indescrivibile, ma non appanna, anzi rafforza le ragioni della manifestazione di domani a Roma: perchè si tratta delle stesse ragioni e della stessa causa per cui Adil si batteva da anni e che sono alla base della tragedia di stamattina: la lotta per l’emancipazione dei proletari dalla barbarie capitalistica.

Saremo alle 14 a Piazza della Repubblica per portare la nostra rabbia e le nostre lotte fin nel cuore della capitale, e invitiamo tutti i lavoratori e i solidali alla massima partecipazione.

Al contempo, sosteniamo fin d’ora ogni iniziativa tesa a denunciare e smascherare le responsabilità oggettive del gruppo Lidl per il barbaro assassinio di Adil.

ADIL VIVE NELLE NOSTRE LOTTE!
IL SUO SANGUE NON SARA’ VERSATO INVANO!
ONORE A TE, COMPAGNO!

18 giugno 2021

Si Cobas nazionale

SABATO 6 GIUGNO RISCENDIAMO IN PIAZZA IN TUTTE LE CITTA’

FACCIAMO PAGARE LA CRISI AI PADRONI ED I LORO GOVERNI.

MILANO: Via Larga angolo Via Pantano Ore 16.00

Noi lavoratori della logistica considerati carne da macello, con le nostre vite considerate un’inevitabile costo da pagare; noi addetti alla sanità, infermiere, infermieri e medici diventati “eroi” nel momento stesso in cui venivamo mandati al massacro; noi lavoratori immigrati delle campagne sfruttati e sottopagati; noi addetti alle pulizie; noi operai di fabbrica trattati al pari delle macchine con cui lavoriamo in catena di montaggio; noi lavoratori del turismo e dello spettacolo, senza lavoro e senza salario; noi insegnanti e supplenti precari; noi disoccupati, intermittenti, precari e a nero dai mille lavori e contratti, spremuti come limoni nei mille rivoli del decentramento della produzione capitalista e costretti a sopravvivere con paghe da fame; noi donne proletarie discriminate per il loro genere; noi rider che incontrate sulle nostre biciclette per portarvi a casa il cibo; noi studenti di scuole squalificate e senza futuro abbiamo deciso di prendere in mano le sorti delle nostre vite, con la consapevolezza che i nostri interessi immediati e futuri sono contrapposti e incompatibili agli interessi di chi ci sfrutta e di chi ci governa.

Abbiamo compreso insieme che è necessario ripartire con la lotta proprio dai nostri bisogni materiali indicando però anche l’immaginario di un nuovo tipo di società possibile, necessaria e indispensabile per il loro completo soddisfacimento: una società libera dal capitalismo e dalle sue logiche di miseria e di sfruttamento

Abbiamo deciso, dopo diversi momenti di confronto nazionale di convergere e di dar vita a un patto d’azione, un fronte unico anticapitalista che ricomponga, nel conflitto e nella prospettiva politica di una trasformazione radicale della società, le diverse lotte presenti sul piano nazionale e locale.

Abbiamo deciso di scendere in piazza SABATO 6 GIUGNO per una giornata di mobilitazione nazionale articolata in tutti territori dove ad ora siamo presenti, con una piattaforma di rivendicazioni unificanti.

Al degrado e alla miseria attuale i proletari devono contrapporre un’alternativa di classe tesa al superamento della schiavitù salariata, e perciò incompatibile con gli interessi di sopravvivenza del capitale.

Facciamo appello a tutte le realtà sociali, sindacali e politiche che condividono questa necessità, e ai singoli proletari stanchi di sfogare la propria rabbia solo sui social virtuali, a partecipare in massa alla giornata del 6 giugno e ai prossimi appuntamenti del Patto d’azione.

1- Salario medio garantito per disoccupati, sottoccupati, precari e cassintegrati;

2- Riduzione drastica e generalizzata dell’orario
di lavoro a parità di salario: lavorare meno, lavorare tutti;

3- I costi della pandemia siano pagati dai padroni, a partire da una patrimoniale del 10% sul 10% più ricco della popolazione;

4- Libertà di sciopero e agibilità sindacale: contro i divieti delle questure, dei prefetti e della Commissione di garanzia sugli scioperi: se si lavora si ha anche il diritto di svolgere attività sindacale e di scioperare;

5- Abrogazione dei Decreti-sicurezza: no alla militarizzazione ulteriore dei territori e dei luoghi di lavoro;

6- Drastico taglio alle spese militari (un F35 equivale a 7113 respiratori) e alle grandi opere inutili e dannose (quali TAV, TAP, Muos);

7- Piano di assunzione di nuovo personale sanitario: scorrimento degli idonei e delle idonee nelle graduatorie pubbliche e stabilizzazione dei precari e delle precarie, per garantire anche l’abbattimento dei turni di lavoro e le ferie bloccate;

8- Requisizione immediata di tutte le cliniche private, anche oltre l’emergenza, per ricostruire tutti i servizi sanitari territoriali distrutti; contro la mercificazione della salute, per un servizio sanitario unico, universale, efficiente e gratuito;

9- Regolarizzazione e sanatoria per tutti gli immigrati, a partire dalle migliaia di “irregolari” del settore bracciantile; contro la regolarizzazione-beffa “Conte- Bellanova”: permessi di soggiorno, documenti anagrafici e riconoscimento pieno per tutti gli immigrati; garanzia di salario diretto e indiretto, diritto all’abitare e assistenza sanitaria; chiusura dei CPR e riapertura dei porti;

10- Blocco immediato degli affitti, dei mutui sulla prima casa e di tutte le utenze (luce, acqua, gas, internet) per i disoccupati e i cassintegrati; blocco a tempo indeterminato degli sgomberi per tutte le occupazioni a scopo abitativo;

11- Revoca di qualsiasi progetto di Autonomia differenziata che penalizza i proletari e i lavoratori del Sud;

12- Amnistia e misure alternative per garantire la salute di tutti i detenuti e di tutte le detenute;

Patto d’Azione per un fronte anticapitalista

#SiCobas #covid19

SOSTIENI LA BRIGATA VISONE!

🤝 Da questo week-end (5-7 giugno), i punti di raccolta della Brigata diventano anche punti di distribuzione di generi alimentari di prima necessità. Sarà quindi possibile ritirare i pacchi spesa gratuiti direttamente qui:
📌 Venerdì dalle 18:00 alle 20:00 @ Circolo Rifondazione Comunista Rho (Via Livello 22)
📌 Sabato dalle 17:00 alle 19:00 @ Corte Popolare Rhodense – Altomilanese (Via Umbria 8)
📌 Domenica dalle 17:00 alle 19:00 @ SOS Fornace Rho (Via Risorgimento 18)
👉 La consegna a domicilio dei pacchi spesa gratuiti è comunque garantita. Hai bisogno di un aiuto gratuito per generi alimentari di prima necessità? Chiama il 391.7010816
❗Vuoi contribuire alle spese della Brigata? Sostienici con una donazione a questo IBAN: IT94D03268223000EM001299972

🥖 Cerchiamo i seguenti generi alimentari: latte UHT, latte in polvere, latte vegetale, pasta, pastina, riso, cous cous, omogeneizzati, farina, passata di pomodoro, pomodori pelati in scatola, sughi pronti, olio, sale, tonno, carne in scatola, patate, mais, fagioli, piselli, lenticchie, legumi in scatola, zucchero, caffè, the, marmellata, biscotti, fette biscottate, cibo per animali.
🧴 Cerchiamo anche prodotti per l’igiene personale, in particolare: sapone, shampoo, dentifricio, spazzolini, deodorante, detergente intimo, disinfettante per le mani, detersivi, assorbenti, carta igienica, scottex, fazzoletti, pannolini, pannoloni.

MASCHERINE PER UN MASSACRO ATTO III

(Dramma in tanti atti, con protagonisti principali, comparse e, troppi, scomparsi)
Atto 3 – “Dispositivi”

⏰ Con un anticipo tremendo, ben prima di garantire ai propri operatori i necessari Dispositivi di Protezione Individuale (#DPI), la Direzione Strategica dell’#ASST Rhodense ha pensato bene di proteggere se stessa da ogni eventuale “fuga di notizie”. Così il 5 marzo 2020 a tutti i lavoratori veniva inviato il seguente messaggio:
🗣️ “In relazione all’emergenza #Coronavirus che sta coinvolgendo le strutture socio-sanitarie della #Lombardia, si ribadisce che sono assolutamente vietati interventi e interviste da parte di medici e di operatori sanitari, se non preventivamente autorizzati dalla Direzione Generale. Si ricorda inoltre a tutti i dipendenti di non diffondere tramite canali di comunicazione social personali (es. Facebook, Instagram, WhatsApp) dati o informazioni che riguardano l’emergenza, che non siano quelli ufficiali diffusi da Regione Lombardia o dal Ministero, anche al fine di non creare situazioni di procurato allarme. Qualsiasi comportamento difforme potrà essere valutato ai fini dell’applicazione di provvedimenti disciplinari e segnalazioni di legge.”
🤐 Mentre medici, infermieri, operatori socio-sanitari, soccorritori delle ambulanze si interrogavano su quali fossero i Dispositivi corretti da utilizzare, facevano salti mortali per utilizzarli nel migliore dei modi possibile, protestavano e rivendicavano la loro distribuzione i vertici di Regione Lombardia si affrettavano per garantire a se stessi e ai loro fedeli Direttori il più sicuro dei Dispositivi di Protezione: LA CENSURA!
😶 Con perfetto sincronismo, mentre a tutti noi veniva chiesto il “chiudetevi in casa”, ai lavoratori della Sanità veniva imposto il “chiudetevi la bocca!”. Prima timidamente, ma poi in modo sempre più dilagante sono state proprio le testimonianze di alcuni lavoratori e le richieste allarmate dei famigliari dei pazienti ricoverati a far scricchiolare le roboanti dichiarazioni di #Fontana e di #Gallera, a far venire a galla quanta fuffa si nascondeva dietro la loro sicumera, quanto fosse falso il loro “le abbiamo azzeccate tutte”, quanta arroganza dietro il loro “rifaremmo tutto quello che abbiamo fatto”.
😷 Questi ultimi due mesi ci hanno dimostrato, se ce ne fosse stato bisogno, che l’informazione e prima ancora la contro-informazione sono il più efficace Dispositivo di Protezione Collettiva di cui possiamo dotarci.
📣 Come Brigata Visone stiamo raccogliendo e distribuendo generi di prima necessità, raccogliere testimonianze e distribuirle per noi sarà altrettanto importante nella costruzione degli indispensabili “anticorpi sociali”, raccontiamo le nostre verità oggi prima che qualcuno, domani, ci racconterà che “tutto è andato bene”.

NOVITA’ SULLA RACCOLTA ALIMENTARE

97562557_128096822193708_6421634392862490624_n

Sono attivi in città i seguenti punti di raccolta alimentare della Brigata:
📌 Venerdì dalle 18:00 alle 20:00 @ Circolo Rifondazione Comunista Rho (Via Livello 22)
📌 Sabato dalle 17:00 alle 19:00 @ Corte Popolare Rhodense – Altomilanese (Via Umbria 8)
📌 Domenica dalle 17:00 alle 19:00 @ SOS Fornace Rho (Via Risorgimento 18)
📍 Per concordare il ritiro a domicilio di generi di prima necessità puoi chiamare il 391.7010816.
👉 I prodotti così raccolti verranno distribuiti gratuitamente a chi necessita di un aiuto in questo momento di difficoltà.
☎️ Per richiedere un aiuto gratuito per generi alimentari di prima necessità contatta la Brigata Visone chiamando il 391.7010816
🥖 Cerchiamo i seguenti generi alimentari: latte UHT, latte in polvere, latte vegetale, pasta, pastina, riso, cous cous, omogeneizzati, farina, passata di pomodoro, pomodori pelati in scatola, sughi pronti, olio, sale, tonno, carne in scatola, patate, mais, fagioli, piselli, lenticchie, legumi in scatola, zucchero, caffè, the, marmellata, biscotti, fette biscottate, cibo per animali.
🧴 Cerchiamo anche prodotti per l’igiene personale, in particolare: sapone, shampoo, dentifricio, spazzolini, deodorante, detergente intimo, disinfettante per le mani, detersivi, assorbenti, carta igienica, scottex, fazzoletti, pannolini, pannoloni.