RAID ISRAELIANI SU GAZA: 8 LE VITTIME PALESTINESI

Come abbiamo scritto nel precedente post sulla Libia, lo stato di Israele nonostante continui a bombardare e a massacrare il popolo palestinese e nonostante sia soggetto a tante risoluzioni ONU contro la sua politica di oppressione, rimane impunito.

Non vediamo le forze guerrafondaie della Nato prendere posizione, non vediamo la stampa spendere una parola sull’ ennesimo massacro nei confronti del popolo Palestinese.

pubblichiamo sotto una breve cronaca di Vittorio Arrigoni e la notizia dell’agenzia di stampa Nena Nws ,sulla giornata di Martedì 22 Marzo:

Alcuni aggiornamenti  di Vittorio Arrigoni

Ore 16.10E’ un massacro. Un nuovo massacro made in Israel. Il carro armato israeliano ha puntato e colpito: 5 civili uccisi, 10 feriti. 2 bambini ammazzati. Stavano giocando a calcio.    I loro nomi sono: Muhammad Jihad Al-Hilu, 11 Yasser Ahed Al-Hilu, 16 Muham…mad Saber Harara, 20 Yasser Hamer Al-Hilu, 50   e un quinto cadavere  non ancora riconosciuto.    

Ore 15:15 – Boati come di esplosioni sopra tutta Gaza city dovuti a caccia F16 che rompono il muro del suono a volo radente sugli edifici. Si definiscono sonic booms, si traducono in una parola sola: terrorismo.    

Ore 11:15 – Un drone (UCAV) ha appena bombardato a Est di Al Nazzan street, Est di Shuajaiyeh. Colpiti alcuni guerriglieri della resistenza.

Ore 9:45 – Invasione di 3 carri armati a est di Gaza city. Hanno appena bombardato. Un ferito.  

Ore 9:00 – Terrorismo israeliano. 18 civili colpiti solo questa notte. 7 bambini, 2 donne. A quando bombardamenti NATO su Tel Aviv? Netanyahu è più figo di Gheddafi?

RAID ISRAELIANI SU GAZA: 8 LE VITTIME PALESTINESI.

Le autorità israeliane “si scusano” per le morti dei civili, 4 ragazzi (di cui tre minorenni) che giocavano a pallone nel cortile di casa. Ma da questa mattina proseguono i raid sulla Striscia, dopo il lancio di razzi su Be’er Sheva.

Gaza City, 23 Marzo 2011, Nena News (foto Al Jazeera) –   Sono almeno 8 le vittime degli ultimi raid israeliani di ieri, uno dei quali ha colpito un’abitazione di Gaza, nel quartiere di Ash-Shaja’iya a Gaza City; un quartiere bersagliato in diversi attacchi dell’artiglieria nel corso di tutta la giornata di martedì; nel cortile, di fronte alla casa, 4 ragazzi, di cui tre minorenni, giocavano a pallone. 8 vittime in un solo giorno; gli altri 4 sarebbero “miliziani” delle Brigate al- Quds, il braccio armato della Jihad Islamica, colpiti in un raid aereo nel quartiere di Zeitun.

Altri raid sono ripresi questa mattina e sono attualmente in corso: secondo l’agenzia Ma’an un altro miliziano sarebbe stato ferito.  Attacchi che arrivano – secondo le fonti israeliane – in risposta ai razzi sparati all’alba su Be’er Sheva, e sulla regione di Eshkol (Neghev occidentale) in Israele. In un primo comunicato stampa le Brigate Al-Quds hanno rivendicato dopo la mezzanotte i razzi lanciati su Ashdod e sulla base militare di Nahal Oz; in un secondo comunicato stampa si parla di un secondo lancio su Be’er Sheva in risposta “alle aggressioni israeliane”.

Secondo i reporter di stanza a Gaza, Bernard Smith di Al Jazeera e ol corrispondente britannico  della BBC Jon Donnison, la violenza al confine tra Gaza e Israele ha subito un’escalation nelle ultime 24 ore. Robert Serry, inviato ONU in Medio Oriente ha espressamente condannato l’uso della violenza e l’uccisione di civili palestinesi.

I raid israeliani di ieri sera seguono quelli dell’artiglieria e dell’aviazione in diverse aree di Gaza, che hanno provocato (ieri) almeno 18 feriti, tra cui 7 bambini.

I vertici militari di Tel Aviv, continuano a sottolineare che si tratta di una risposta agli oltre 50 razzi lanciati dalla Striscia verso Israele lo scorso sabato, e che si intendono colpite le basi di addestramento dei miliziani di Hamas. In realtà ad essere stati colpiti ieri sono stati, oltre ad una postazione della polizia a nord-ovest di Gaza City, anche la clinica medica “Hijaz” che aveva subito danni gravissimi durante l’aggressione militare del dicembre 2008-gennaio 2009 denominata Operazione Piombo Fuso, l’area di ash- Shuja’iyah , molte zone di Gaza City , una moschea a est di Khan Younis e una fabbrica di cemento vicino a Jabaliya.

Come scrive Amira Hass in apertura del suo editoriale apparso oggi su Ha’aretz, che ricostruisce l’escalation di violenze negli ultimi giorni, “le autorità di Hamas ancora una volta dimenticano che il loro vicino/occupante a est è pazzo.”Nena New

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...