MASCHERINE PER UN MASSACRO ATTO III

(Dramma in tanti atti, con protagonisti principali, comparse e, troppi, scomparsi)
Atto 3 – “Dispositivi”

⏰ Con un anticipo tremendo, ben prima di garantire ai propri operatori i necessari Dispositivi di Protezione Individuale (#DPI), la Direzione Strategica dell’#ASST Rhodense ha pensato bene di proteggere se stessa da ogni eventuale “fuga di notizie”. Così il 5 marzo 2020 a tutti i lavoratori veniva inviato il seguente messaggio:
🗣️ “In relazione all’emergenza #Coronavirus che sta coinvolgendo le strutture socio-sanitarie della #Lombardia, si ribadisce che sono assolutamente vietati interventi e interviste da parte di medici e di operatori sanitari, se non preventivamente autorizzati dalla Direzione Generale. Si ricorda inoltre a tutti i dipendenti di non diffondere tramite canali di comunicazione social personali (es. Facebook, Instagram, WhatsApp) dati o informazioni che riguardano l’emergenza, che non siano quelli ufficiali diffusi da Regione Lombardia o dal Ministero, anche al fine di non creare situazioni di procurato allarme. Qualsiasi comportamento difforme potrà essere valutato ai fini dell’applicazione di provvedimenti disciplinari e segnalazioni di legge.”
🤐 Mentre medici, infermieri, operatori socio-sanitari, soccorritori delle ambulanze si interrogavano su quali fossero i Dispositivi corretti da utilizzare, facevano salti mortali per utilizzarli nel migliore dei modi possibile, protestavano e rivendicavano la loro distribuzione i vertici di Regione Lombardia si affrettavano per garantire a se stessi e ai loro fedeli Direttori il più sicuro dei Dispositivi di Protezione: LA CENSURA!
😶 Con perfetto sincronismo, mentre a tutti noi veniva chiesto il “chiudetevi in casa”, ai lavoratori della Sanità veniva imposto il “chiudetevi la bocca!”. Prima timidamente, ma poi in modo sempre più dilagante sono state proprio le testimonianze di alcuni lavoratori e le richieste allarmate dei famigliari dei pazienti ricoverati a far scricchiolare le roboanti dichiarazioni di #Fontana e di #Gallera, a far venire a galla quanta fuffa si nascondeva dietro la loro sicumera, quanto fosse falso il loro “le abbiamo azzeccate tutte”, quanta arroganza dietro il loro “rifaremmo tutto quello che abbiamo fatto”.
😷 Questi ultimi due mesi ci hanno dimostrato, se ce ne fosse stato bisogno, che l’informazione e prima ancora la contro-informazione sono il più efficace Dispositivo di Protezione Collettiva di cui possiamo dotarci.
📣 Come Brigata Visone stiamo raccogliendo e distribuendo generi di prima necessità, raccogliere testimonianze e distribuirle per noi sarà altrettanto importante nella costruzione degli indispensabili “anticorpi sociali”, raccontiamo le nostre verità oggi prima che qualcuno, domani, ci racconterà che “tutto è andato bene”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...