SENTENZA MELFI: LE ILLUSIONI DELLA DEMOCRAZIA!

Sul licenziamento in appello dei lavoratori fiat di Melfi, Potremmo, in questo caso senza alcun dubbio, parafrasare il presidente del consiglio dicendo: ci sono pezzi della magistratura che sono direttamente legati alla fiat e ai poteri forti.

Nella Repubblica democratica (tantomeno in quella apertamente fascista) prevale sempre chi ha il potere(in termini di soldi e di avvocati) e mai, o quasi mai, le ragioni dei lavoratori che sono la parte più debole del  sistema, pur producendo per tutti – la ricchezza per gli industriali e i vari parassiti sociali- si affermano..

Dicendo questo,  siamo sicuri di non sbagliare  anche alla luce di come si è svolto il processodi Melfi.

Sono stati ascoltati solo i testimoni della Fiat( personaggi squallidi e noti per essere dei mentitori al servizio della Fiat)
e non quelli indicati dai legali dei lavoratori. il giudice nella
sentenza  ha fatto capire  che i tre lavoratori pur non avendo svolto un ruolo particolarmente lesivo verso l’ azienda dovevano essere, però,  licenziati lo stesso.

Quale sabotaggio (sempre negato dai tre operai)  può essere il fermo di un carrello? al massimo avrebbero potuto infliggere  una sanzione disciplinare, ma il giudice ha voluto accontentare la Fiat,  la quale fa politica attiva contro chi osa contrastare la sua linea (come è avvenuto negli anni passati a Torino, all’Alfa di Arese e di Pomigliano) :  tutti devono
sottostare alle sue prerogative, la sua “legge” contrattuale, a Napoli e Torino, per poter realizzare il massimo sfruttamento operaio , il massimo profitto aziendale ed anche di spostare capitali per azioni speculative sul mercato.

La Fiom anziché scegliere la strada della lotta e della mobilitazione più ampia,  ha scelto, e non poteva fare altrimenti vista
la sua politica riformista, quella della legalità giudiziaria (che
eventualmente dovrebbe essere di supporto alla lotta che coinvolge più operai nello scontro) che è quasi sempre perdente per i lavoratori.

Non a caso la seconda sentenza, emessa dai giudici di Torino sulle nuove aziende Fiat, da ancora ragione alla fiat, affermando che il potere economico prevale su  tutto il resto delle parti sociali         .

Il licenziamento di tre lavoratori è sempre qualcosa di drammatico per le conseguenze di vita che comporterà per
loro e per il segnale negativo per gli altri lavoratori della Fiat e degli
altri nel Paese e non possiamo che augurare ai tre una vittoria in
cassazione(fra qualche anno)  annullando, così, i licenziamenti dell’appello di questi giorni. Comunque vada nei tribunali, per loro la Fiat non li farà comunque più entrare in azienda.

Da queste esperienze, anche negative, gli operai devono saper trarre una lezione per una maggiore consapevolezza sul vero ruolo dello Stato e delle sue istituzioni, esse sono al servizio della classe borghese e dei suoi lacchè essi possono contare che su se stessi e le lotte che sapranno mettere in campo.
I lavoratori, soprattutto quelli d’avanguardia, devono trarre insegnamento da questo ulteriore cedimento della FIOM e lavorare perché  non ci siano le illusioni sulla democrazia dei padroni e dei loro tribunali, in modo da dare un contributo allo sviluppo di un movimento dei lavoratori sul terreno dello sciopero generalizzato favorendo, così, la rinascita di una ORGANIZZAZIONE SINDACALEE POLITICA DI CLASSE.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...